HomeTech NewsGoogle risponde alle accuse di Microsoft sul comportamento di Youtube con Edge

Google risponde alle accuse di Microsoft sul comportamento di Youtube con Edge

Di recente Microsoft ha annunciato un cambio di rotta per il suo browser Edge, il quale passerà a partire dal 2019 dall’attuale EdgeHTML a Chromium. In altre parole il browser firmato Microsoft adotterà lo stesso codice sorgente a cui si è appoggiato Google con il suo Chrome.  

Google si difende dalle accuse di Microsoft

Uno degli sviluppatori di Edge presso Microsoft tempo fa accusò Google di essere la causa del cambio di rotta con la seguente dichiarazione:

Uno dei motivi che ci ha spinto a cambiare tecnologia in Edge, risiede in alcune modifiche attuate da Google nei confronti di altri browser che non siano Chrome su piattaforme come Youtube. 

E’ stato introdotto di recente un div vuoto che impedisce ad Edge di utilizzare l’acceleratore hardware, di conseguenza il browser ne risente a livello prestazionale durante la riproduzione dei video.

Google in data odierna ha risposto alle accuse come segue:

Non abbiamo aggiunto alcun codice che danneggi le ottimizzazioni di altri browser, si tratta di un bug che provvederemo a risolvere. Restiamo a stretto contatto con i produttori di altri browser attraverso il progetto open source Web Platform Test, il quale si occupa proprio di ottimizzare al meglio l’uso della piattaforma con altri browser.

Microsoft di fronte a tale dichiarazione conclude dicendo:

Google è sempre stato un partner collaborativo, attendiamo con impazienza l’inizio del viaggio che porterà Microsoft Edge verso un nuovo futuro. 

Vi ricordiamo o anticipiamo che potete già registrarvi sul sito web ufficiale per provare il nuovo Microsoft Edge in Anteprima a partire da Gennaio 2019.

Autore Giovanni Damiano
Giovanni Damiano

SEO WEB COPYWRITER: Tester, Recensore, Blogger ,Youtuber e Streamer, appassionato di Tecnologia e Intrattenimento Videoludico

Nessun commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.