HomeTech NewsGoogle, Amazon, NASA ed altre aziende unite per il monitoraggio dei Droni

Google, Amazon, NASA ed altre aziende unite per il monitoraggio dei Droni

Negli ultimi anni il fenomeno “Droni” si è diffuso a vista d’occhio, sono numerose sia le aziende che li producono che i consumatori che decidono di acquistarli per scopi differenti.

droni

Droni alla conquista dei cieli

Alcuni utilizzano i droni per divertimento, altri per effettuare riprese dall’alto (nella maggior parte dei casi riguardano matrimoni) chi per effettuare consegne e cosi via dicendo. Google, Amazon, la Nasa ed altre importanti aziende nel settore hanno deciso di unire le forze creando un sistema per la gestione e regolazione del traffico di droni.

Grazie all’UASTM ossia Unmanned Aerial System Traffic Management è possibile regolare il traffico aereo dei droni da parte delle aziende con la collaborazione del Federal Aviation Administration. Gli incidenti dovuti ai droni è incrementato drasticametne in questo ultimo periodo, per tale motivo Obama ha deciso di regolamentare la cosa rendendo i cieli più sicuri. In Italia cosi come in molte altre parti del mondo è vietato usare i droni in alcune aree, sopratutto quelli muniti di una camera a causa della violazione della privacy.

Esistono droni di ogni sorta, economici e costosi, amatoriali e professionali, di piccolissime dimensioni o titanici, tutti dovranno essere soggetti ad una regolamentazione che ne autorizzi il volo in alcune aree e momenti della giornata, si parla anche di una possibile patente per far volare i droni più elaborati ma per ora è ancora presto per parlarne. Se volete acquistare un drone potete trovarne a quantità industriale su Amazon, dai 10€ a migliaia di euro a seconda del vostro uso.

Autore Shinobi SEO WEB
Shinobi SEO WEB

Appassionato di Videogiochi, Tecnologia e Intrattenimento. Ritiene che il sapere appartenga a tutti e debba essere condiviso liberamente.  Seguimi su Facebook, Twitter, Ludomedia, Instagram e Twitch

Nessun commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.