HomeTech NewsLE PROFESSIONI DELLA NEW ECONOMY: WEBMASTER

LE PROFESSIONI DELLA NEW ECONOMY: WEBMASTER

A cura di WebMasterPoint.org

La prima professione che cercheremo di analizzare non poteva essere che il webmaster, da cui anche il nostro sito prende il nome.

In realtà, con il termine webmaster si può indicare tutto e niente nello stesso tempo: molte persone si sentono e si considerano webmaster sapendo creare dei siti partendo da zero, avendo le competenze tecniche più disparate, dalla programmazione asp e java alla creazione di animazioni flash e al fotoritocco.

In realtà questa concezione è molto diversa da quella che hanno le grandi aziende operanti in Internet che ricercano personale e la differenza nasce da come è strutturato ed organizzato il lavoro interno di queste new company.

Lavorare su un sito web, è un lavoro di team, dove si integrano competenze specifiche, che non possono essere possedute da una unica persona.

Si alternano figure che andremo ad analizzare come i Client manager, i Web Developer, i Web Editor e tante altre a seconda dei progetti da realizzare.

Il WebMaster in queste realtà aziendali è più una figura di coordinamento, che deve saper “legare” in modo ottimale tutte le risorse e gli input necessari, portati dalle diverse figure specialistiche.

In realtà, molto spesso, in questi ambienti aziendali di grandi dimensioni, si assiste ad un webmaster meno coordinatore, è più portato alla manutenzione dei server o alla creazione di applicativi ad hoc

E’ una figura che sta scomparendo nella sua eccezione generale, del “saperfaretutto”, sostituita da competenze specifiche nelle diverse aree richieste per la realizzazione di un sito web.

E’ richiesta la conoscenza dell’inglese, almeno quello tecnico scritto, e di una buona conoscenza dei protocolli di Rete, degli applicativi, e dei diversi linguaggi di programmazione.

E’ una figura che rimane nelle piccole e media imprese.

Lavora, molte spesso, come consulente esterno, con una propria partita iva o una propria azienda. Non è raro il telelavoro.

L’iter formativo avviene molto spesso sul campo, dopo un diploma in materie tecniche: molto importante è la parte da autodidatta e le esperienze lavorative fatte, il provare e riprovare per molti notti insonni la miglior impaginazione…

Autore

Nessun commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.