HomeTech NewsGoogle Plus: La morte del Social inizia il 4 Febbraio 2019

Google Plus: La morte del Social inizia il 4 Febbraio 2019

La fine di Google Plus si avvicina. Lo scorso anno Google annunciò la chiusura definitiva del suo Social, il quale nonostante le migliorie apportate, nuove funzionalità e integrazioni varie, non è riuscito a decollare.

Lo scorso anno furono scoperte delle falle di sicurezza che portarono Google a prendere la decisione di chiudere il Social piuttosto che investire tempo e denaro nella risoluzione delle stesse, falle che erano e sono tutt’oggi presenti nel Social da diversi anni, mai scoperte nè da Google (questo è ciò che molti pensano) nè dagli utenti fino allo scorso anno. 

Google Plus si avvia verso la chiusura

La chiusura di Google Plus non è quindi una novità, per tanto se utilizzate il Social preparatevi ad abbandonarlo entro i prossimi mesi. Google in data odierna ha annunciato che dal 4 Febbraio 2019 non sarà possibile più creare nuovi profili, pagine, community o eventi, inoltre i commenti generati da Google Plus sui siti web esterni verranno rimossi.

La rimozione dei commenti inizierà il 4 Febbraio e si concluderà il 7 Marzo. A partire invece dal 2 Aprile tutti i contenuti (foto, video e pagine) degli utenti verranno eliminati, ad eccezione delle note di Google, quindi foto e video il cui backup risiede in Google Foto.

Se avete utilizzato Google Plus per accedere a siti o applicazioni, i suddetti pulsanti smetteranno di funzionare e verranno sostituiti entro poco dal pulsante di accesso con account Google, per tanto potreste ritrovarvi ad eseguire nuovamente l’accesso. 

Google conclude dicendo che ci vorrà tempo per cancellare tutti i dati, per tanto potrebbero essere visibili anche mesi dopo la chiusura del Social. Sentirete la mancanza di Google Plus?

Autore Shinobi SEO WEB
Shinobi SEO WEB

Appassionato di Videogiochi, Tecnologia e Intrattenimento, trascorre le giornate nei meandri più tenerbrosi della Transilvania, cibandosi di conoscenza.

Nessun commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.