Home » Google : L’Easter Egg del 1998

Google : L’Easter Egg del 1998

google

Google, è nota non solo per i suoi numerosi servizi, ma anche per i suoi scherzi. Sul motore di ricerca, del noto colosso, sono presenti numerosi easter egg, ed oggi vogliamo parlarvi proprio di uno di questi.

L’easter egg del passato

Grazie all’Easter Egg di cui vi parliamo oggi, potrete mandare Google o per meglio dire il suo motore di ricerca, indietro nel tempo, per la precisione al 1998, anno in cui il motore di ricerca muoveva i suoi primi passi. Stiamo parlando di ben 15 anni indietro nel tempo, che sicuramente faranno versare qualche lacrimuccia a coloro che sono nati negli anni d’oro come si suol dire.

Attivando questo easter egg, non assisterete solo al cambio di grafica ma anche di funzioni. Come potete vedere nella foto, se effettuerete la ricerca, verranno trovati circa 234.000 risultati ma solo la prima pagina è consultabile.

Attivazione dell’Easter Egg

Come attivare il trucchetto? Basterà andare sulla pagina Google.com (versione inglese del portale) o in alternativa, cliccare su Google.com in English, che trovate in fondo alla pagina, nella versione internazionale del motore di ricerca.  Su Google, esistono numerosi trucchetti, che possono essere abilitati, semplicemente digitando dei comandi nel campo della ricerca come : Atari Breakout in Immagini. Digitando quanto detto e attendendo pochi secondi, vedrete le immagini, diventare dei rettangoli, è tempo di giocare al Breakout! Con il mouse potrete muovere l’asta in basso e con la pallina rompere i mattoncini ossia le immagini.

Un altro simpatico trucchetto,è quello presente su Youtube, nei video che lo consentono, è possibile giocare a Snake mentre si visualizza il video, per fare questo,tenere premuti per un paio di secondi i tasti freccia su+ freccia sinistra o freccia su+freccia destra della tastiera.

Per la lista completa degli Easter Egg, vi invitiamo a cliccare qui

Scritto da
Shinobi SEO WEB
Appassionato di Videogiochi, Tecnologia e Intrattenimento. Ritiene che il sapere appartenga a tutti e debba essere condiviso liberamente.  Seguimi su Facebook, Twitter, Ludomedia, Instagram,

Cosa pensi di questo articolo?

0 0

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Lost Password

Please enter your username or email address. You will receive a link to create a new password via email.