HomeApple/iOSFuochi d’artificio: Come fotografarli con l’Iphone

Fuochi d’artificio: Come fotografarli con l’Iphone

Capita spesso di assistere all’esplosione di fuochi d’artificio talmente belli da volerli immortalare con il proprio iPhone, ma quando andiamo ad estrarre la foto sul nostro computer, la qualità non rende giustizia a ciò che i nostri occhi hanno visto.

I nostri consigli per i migliori scatti di fuochi d’artificio con l’iPhone

In vista delle festività Natalizie che si avvicinano ed eventuali vacanze di Capodanno, prepariamoci a rendere le nostre foto indimenticabili con alcuni piccoli consigli. La qualità non sarà mai perfetta, ma non per una nostra incapacità, quanto piuttosto dal limite dei sensori nel cogliere ciò che vorremmo immortalare.

  1. Scatto in prima linea

Per una foto degna di nota, è opportuno avvicinarci il più’ possibile al soggetto da fotografare. Eviteremo così nella foto, l’inquadratura di soggetti irrilevanti e la perdita di luminosità dovuta alla distanza.

  1. Supporto

Dovendo scattare una foto in modalità notturna, i tempi di esposizione per una buona luminosità sono lunghi.  E’ fondamentale che il dispositivo che utilizziamo per lo scatto sia completamente fermo. Sarebbe buono munirsi di un treppiede. Se si è sprovvisti di cavalletto, consigliamo di poggiare lo smartphone su un piano statico al fine di evitare movimenti.

  1. Tempo

E’ fondamentale giocare d’anticipo, scattando qualche secondo prima che il fuoco artificio esplodi. Se non si è sicuri del tempo giusto, vi consigliamo di affidarvi al multi scatto. 

  1. Settaggi del dispositivo

Notturno e fuochi d’artificio comportano l’assenza del flash. Ricordiamo di disabilitarlo prima di cominciare con gli scatti. Lo stesso vale per lo zoom, che renderebbe la foto meno nitida.

Autore Giovanni Damiano
Giovanni Damiano

SEO WEB COPYWRITER: Tester, Recensore, Blogger ,Youtuber e Streamer, appassionato di Tecnologia e Intrattenimento Videoludico

Nessun commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.