Home » Tech News » Google Drive: Importanti cambiamenti in arrivo per il cestino

Google Drive: Importanti cambiamenti in arrivo per il cestino

A partire dal 13 ottobre 2020, Google Drive subirà una modifica per cui gli elementi del cestino saranno gestiti conformemente al resto delle applicazioni Google, come ad esempio Gmail, per quanto riguarda l’eliminazione automatica. Questo significa che tutti i file inseriti nel cestino di “Il mio Drive” di Google Drive saranno eliminati automaticamente dopo 30 giorni consecutivi di permanenza nel cestino. Gli elementi del cestino continueranno a occupare la tua quota di spazio di archiviazione, che sarà sempre condivisa tra Google Drive, Gmail e Google Foto.

Tieni presente che tutti i file già presenti nel cestino in data 13 ottobre 2020 vi rimarranno per 30 giorni. Dopo un periodo di 30 giorni, i file che sono nel cestino da più di 30 giorni inizieranno a essere eliminati automaticamente.

Quali saranno le conseguenze per me?

I file rimasti nel cestino di Google Drive per più di 30 giorni dopo il 13 ottobre 2020 verranno eliminati automaticamente in modo irreversibile, anche se non hai accettato alcun messaggio in-app in merito. A partire dal 15 settembre 2020 mostreremo messaggi in-app su Drive e, dal 29 settembre 2020, anche nei nostri editor, come Documenti e Moduli Google.

Alcune considerazioni:

  • I file del cestino dei Drive condivisi vengono già eliminati automaticamente dopo 30 giorni.
  • Queste modifiche riguardano soltanto gli elementi che vengono messi nel cestino da qualsiasi dispositivo e su qualsiasi piattaforma.
  • Il comportamento di Backup e sincronizzazione non subirà alcuna modifica.

Che cosa devo fare?

  • Puoi ripristinare i file dal cestino in qualsiasi momento prima che siano passati i 30 giorni.
  • Se utilizzi Google Drive su Android o iOS, esegui l’aggiornamento alle ultime versioni per essere sempre al passo con le notifiche in-app più recenti.
Scritto da
Shinobi SEO WEB
Appassionato di Videogiochi, Tecnologia e Intrattenimento. Ritiene che il sapere appartenga a tutti e debba essere condiviso liberamente.  Seguimi su Facebook, Twitter, Ludomedia, Instagram,

Cosa pensi di questo articolo?

0 0

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Lost Password

Please enter your username or email address. You will receive a link to create a new password via email.