HomeTech NewsAmazon: Le misure messe in atto per ridurre gli acquisti inutili

Amazon: Le misure messe in atto per ridurre gli acquisti inutili

Il Wall Street Journal ha svelato di recente alcune misure messe in atto da Amazon per ridurre gli acquisti inutili da parte degli utenti, favorendo dunque gli articoli più importanti in un periodo in cui il Coronavirus la fa da padrone.

Il colosso di Jeff Bezos avrebbe escogitato un piano per scoraggiare i clienti dall’acquisto di articoli obsoleti, scopriamo insieme di cosa si tratta.

Amazon scoraggia i clienti dagli acquisti inutili

Secondo quanto affermato dal noto giornale, l’-ecommerce avrebbe modificato l’interfaccia del sito web, eliminando la sezione in cui venivano mostrati i consigli sulla base degli acquisti di altri utenti (gli utenti che hanno comprato questo prodotto hanno comprato anche….).

Negli USA sono stati ridotti in modo sostanziale gli annunci pubblicitari su Google, cancellato gli eventi promozionali collegati alla Festa della Mamma e del Papà e tagliato le percentuali per le commissioni del programma di affiliazione.

Per scoraggiare maggiormente i consumatori Amazon ha aumentato i tempi di spedizione sui beni non necessari, passando da poche ore o giorni a mesi. Le modifiche non sono finite qui, in America il programma messo a disposizione dei rivenditori terzi che permette di appoggiarsi alla rete logistica di Amazon è stato sospeso.

Un dipendente di Amazon ha affermato “Solitamente vogliamo vendere il più possibile, ma la nostra rete è talmente oberata tra gel per le mani e carta igienica che non abbiamo modo di spedire altro”. A quanto pare si tratta ovviamente dei beni più richiesti.

Di recente Amazon ha assunto ben 75 mila nuovi dipendenti per far fronte alle numerose richieste di questo tipo di prodotti. Amazon dal 18 Marzo in Italia consegna solo i beni di prima necessità, tuttavia le cose potrebbero cambiare entro Maggio.

Autore Shinobi SEO WEB
Shinobi SEO WEB

Appassionato di Videogiochi, Tecnologia e Intrattenimento. Ritiene che il sapere appartenga a tutti e debba essere condiviso liberamente.  Seguimi su Facebook, Twitter, Ludomedia, Instagram, 

Nessun commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.