Internet & Geek Blog
tomtop
Tutorial

Come criptare dischi, partizioni ed altro ancora

Avete dei file strettamente personali e non volete correre il rischio che altri utenti li consultino? Allora non vi resta altro da fare che criptare hard disk, partizioni, pendrive e quanto altro ancora tramite la guida che vogliamo proporvi oggi.

Come criptare gratis con Veracrypt

Esiste un’ottimo programma GRATIS che permette di criptare non solo hard disk ma anche partizioni, pendrive ed ogni periferica di massa, impedendo ad occhi indiscreti di curiosare nei vostri file personali, ecco come fare:

  1. Lanciate il software che potete scaricare QUI
  2. Selezionate l’unità da criptare
  3. Cliccate su Crea un Volume
  4. Create un Volume VeraCrypt Standard
  5. Selezionate nuovamente l’unità
  6. Confermate e proseguite
  7. Inserite una password per proteggere al meglio la periferica da voi scelta
  8. Proseguite fino al termine dell’operazione

Ora se volete utilizzare la periferica da voi criptata, dovrete montarla con VeraCrypt, altrimenti non potrete accedervi. Quando collegate la periferica al PC, vi chiederà di formattarla, ovviamente non fatelo. Quindi procedete come segue:

  1. Montate l’unità scegliendo una lettera da assegnare alla pendrive e cliccate su Monta
  2. Inserite la password che avete deciso al momento della criptazione

Montata la periferica la vedrete come un disco locale e potete accedere a tutti i file al suo interno. Quando non vi serve più, cliccate su Smonta e poi Espelli. In qualsiasi momento potete rimuovere la criptazione o formattandola da Windows o procedendo come segue:

  1. Avviate il software
  2. Cliccate sulla periferica da decriptare e poi su Strumenti Volume
  3. Lanciate il Permanently decrypt
  4. Confermate per avviare la decriptazione
  5. Inserite la password da voi decisa
Giovanni Damiano

<p>Appassionato di videogiochi, telefonia, informatica e intrattenimento. Nato con un controller tra le mani vive in una remota zona della Transilvania in attesa di giochi da completare. La sua prima parola è stata “Press Start”! Cresciuto con un NES 8 BIT ha raggiunto l’illuminazione con la nextgen e i VR</p><br />

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *