Home » Software (Download & Update) » Windows 11 si aggiorna con una importante novità e tanti FIX

Windows 11 si aggiorna con una importante novità e tanti FIX

Microsoft da sempre ha quasi forzato gli utenti a usare Internet Explorer o Edge come browser predefinito, rendendo macchinosa la procedura per impostare un browser preferito come default. Con il recente aggiornamento di Windows 11, Microsoft ha deciso di ascoltare gli utenti che usano Chrome, Firefox o altri, attraverso la semplificazione della procedura.

Come impostare un browser predefinito in Windows 11

Fin dal lancio Windows 11 non ha mai dato la possibilità di modificare il browser predefinito per tutte le attività, attraverso una singola procedura, fino ad oggi infatti bisognava assegnare il browser per link http, link https, file .HTML e cosi via dicendo, recandosi nelle Impostazioni di Windows, inutile dire che molti hanno optato alla fine per adeguarsi al browser di Microsoft, anche se con Edge l’azienda si è avvicinata di molto a Google Chrome, rendendo l’esperienza più o meno simile.

Con il recente aggiornamento del sistema operativo, per la precisione il pacchetto KB5011563, disponibile tramite Windows Update, Microsoft offre finalmente a tutti la possibilità di impostare il browser preferito come default con un solo clic del mouse. Vi basterà infatti cercare il browser preferito in Impostazioni > App predefinite per poi renderlo tale con un semplice clic, senza dover associare il browser per ogni singola funzionalità.

Come da immagine riportata in alto, resta naturalmente la possibilità di assegnare un browser differente per ciascun tipo di uso, ma chi preferisce ad esempio usare Firefox per tutto non dovrà far altro che cliccare su Imposta predefinito.

Tutti i FIX del nuovo aggiornamento

L’aggiornamento non si limita alla sola novità menzionata, ma apporta anche una lunga serie di FIX che potete consultare a seguire:

  • Visualizza fino a tre notifiche ad alta priorità contemporaneamente
  • Risolve un problema che disattiva l’avvio automatico per le app UWP (Universal Windows Platform) dopo l’aggiornamento del sistema operativo.
  • Risolve un problema che causa l’interruzione del funzionamento di SystemSettings.exe.
  • Risolve un problema che interessa searchindexer.exe e impedisce alla ricerca offline di Microsoft Outlook di restituire e-mail recenti.
  • Risolve un problema che aumenta il tempo di avvio per Windows. Questo problema si verifica perché un thread dell’interfaccia utente in un’API di rete smette di rispondere quando un dispositivo WWAN (Wireless Wide Area Network) 5G è lento a riattivarsi.
  • Risolve una perdita di memoria nel modulo wmipicmp.dll che causa molti falsi allarmi nel sistema di monitoraggio del datacenter di System Center Operations Manager (SCOM).
  • Risolve un problema che restituisce erroneamente le impostazioni dei criteri di esecuzione dal registro.
  • Risolve un problema in cui i browser moderni non riescono a visualizzare correttamente l’HTML generato da gpresult/h.
  • Risolve un problema che causa un’eccezione “Accesso negato” per un file durante un test di PowerShell per AppLocker.
  • Risolve un problema che causa l’instabilità del server Servizio Desktop remoto (RDS) quando il numero di utenti che hanno eseguito l’accesso supera 100. Ciò impedisce di accedere alle applicazioni pubblicate tramite RDS su Windows Server 2019.
  • Risolve un problema che restituisce un messaggio di errore quando si cerca un dominio o un’unità organizzativa (UO). Questo problema si verifica a causa dell’azzeramento improprio della memoria.
  • Risolve un problema che causa l’interruzione del funzionamento della Console di gestione dei criteri di gruppo dopo la sua chiusura. Il sistema registra l’ID evento di errore dell’applicazione 1000 e l’errore 0xc0000005 (STATUS_ACCESS_VIOLATION); il modulo in errore è GPOAdmin.dll.
  • Risolve un problema che potrebbe causare l’interruzione dell’elaborazione delle informazioni di telemetria da parte del servizio criteri di gruppo per le preferenze del registro di criteri di gruppo.
  • Risolve un errore irreversibile (0xD1, DRIVER_IRQL_NOT_LESS_OR_EQUAL) nel componente del kernel DirectX.
  • Risolve un problema che potrebbe causare l’interruzione del funzionamento di Kerberos.dll all’interno del servizio del sottosistema dell’autorità di sicurezza locale (LSASS). Ciò si verifica quando LSASS elabora richieste simultanee Service for User (S4U) da utente a utente (U2U) per lo stesso utente client.
  • Risolve un problema che interessa il proxy KDC (Key Distribution Center). Il proxy KDC non può ottenere correttamente i ticket Kerberos per l’accesso a Key Trust Windows Hello for Business.
  • Aggiunge il supporto per gli scenari pass-through dell’account Microsoft (MSA) in Azure Active Directory (AAD) Web Account Manager (WAM).
  • Risolve un problema che registra l’ID evento 37 durante alcuni scenari di modifica della password, incluse le modifiche alla password dell’oggetto nome cluster di failover (CNO) o dell’oggetto computer virtuale (VCO).
  • Risolve un problema che impedisce alla finestra di dialogo Controllo account utente (UAC) di mostrare correttamente l’applicazione che richiede privilegi elevati.
  • Risolve un problema che potrebbe causare la perdita dello stato attivo di un file Microsoft OneDrive dopo averlo rinominato e aver premuto il tasto Invio.
  • Restituisce la pagina Impostazioni corrispondente quando si cerca la parola widget.
  • Risolve un problema che impedisce all’evento 4739 di visualizzare i nuovi valori di determinati attributi dopo una modifica ai criteri.
  • Risolve un problema che causa l’errore del comando Move-ADObject quando si spostano account computer tra domini. Il messaggio di errore è “Sono stati specificati più valori per un attributo che può avere un solo valore”.
  • Risolve un problema che impedisce l’accesso alle condivisioni Server Message Block (SMB) utilizzando un indirizzo IP quando è abilitata la protezione avanzata SMB.
  • Risolve un problema che causa l’errore irreversibile 0x1E nel server SMB (srv2.sys).
  • Risolve un problema che causa una mancata corrispondenza tra i nomi di dominio NetBIOS e DNS Active Directory durante la creazione di un cluster.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Devi usare questo HTML tag e attibuti: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Password dimenticata

Inserisci l’indirizzo email con cui ti sei registrato e riceverai un link per reimpostare la password.