Internet & Geek Blog
Software

Come impedire l’esecuzione di alcuni programmi con AskAdmin

Se condividete il PC con uno o più membri del nucleo famigliare o amici e non volete che essi lancino determinati software, allora AskAdmin fa al caso vostro, si tratta di una gratuita utility che consente di bloccare l’accesso a determinati software.

Bloccare i programmi con AskAdmin

AskAdmin è scaricabile gratuitamente in versione portatile, il che significa che non necessita di installazione, ma purtroppo alcune funzioni come la protezione dei software con password sono disponibili solo nella versione a pagamento.

Ecco come funziona:

  1. Lanciate il programma e cliccate su Si se richiesto, Windows Explorer verrà riavviato
  2. Cliccate sul tasto + ed inserite un nuovo programma da bloccare selezionando dal vostro PC
  3. Riavviate explorer (il file manager di Windows) cliccando sulle doppie frecce

Cosi facendo bloccherete i programmi da voi scelti. Se volete aprirli nuovamente, dovrete cancellare l’elenco o riavviare explorer. Se volete salvare la lista dei programmi bloccati per poterla ricaricare al volo, cliccate sul bottone con la freccia verde mentre per caricare la lista sul bottone con la freccia blu.

Con la versione completa del software potete anche proteggere i singoli programmi con password, in questo modo potete accedervi solo tramite la password.  Prestate molta attenzione a non bloccare tutti i programmi tramite la funzione ALL perchè in questo caso potreste avere seri problemi a lanciare Windows a causa del blocco di alcuni importanti servizi, per tanto procedete solo per bloccare i programmi in maniera individuale.

AskAdmin può essere scaricato GRATIS tramite il sito web ufficiale del suo creatore CLICCANDO QUI

Giovanni Damiano

Appassionato di videogiochi, telefonia, informatica e intrattenimento. Nato con un controller tra le mani vive in una remota zona della Transilvania in attesa di giochi da completare. La sua prima parola è stata "Press Start"! Cresciuto con un NES 8 BIT ha raggiunto l'illuminazione con la nextgen e i VR