Internet & Geek Blog
tomtop
Software

Google Allo si prepara all’arrivo su PC

Google si prepara a contrastare la concorrenza portando su PC il suo Allo. A svelare l’arrivo dell’edizione Dekstop è stato il VP delle Comunicazioni dell’azienda “Nick Fox” che su Twitter ha pubblicato la prima immagine della versione Web di Allo, sviluppato per fronteggiare WhatsApp e Telegram.

Google Allo arriva su PC

Dopo il successo ottenuto in mobilità, Google ha pensato bene di offrire ai suoi utenti la possibilità di utilizzare il servizio anche su PC Destkop, sviluppando una versione Web Browser dello stesso, la quale come per WhatsApp non necessita di installazione ed è utilizzabile sia su PC che su MAC (probabilmente anche Linux). Il messenger di Google si contraddistingue della concorrenza grazie alla sua comoda interfaccia minimale e moderna.

Google Allo come per WhatsApp e Telegram, è ufficialmente disponibile sul mobile gratuitamente, tra le sue caratteristiche spiccano:

  • Inchiostro per dare libero sfogo alla conversazione con doodle, testo o foto
  • Adesivi per esprimere al meglio il proprio stato
  • Modifica del testo per dare maggiore enfasi ad una frase o parola
  • Risposta rapida ai messaggi
  • Integrazione dell’assistente Google
  • Modalità di navigazione incognita
  • e molto altro ancora

Una volta installata l’applicazione bisogna registrarsi con il proprio numero di telefono, digitando poi il codice ricevuto via SMS per iniziare l’utilizzo. Tappando sull’icona dei messaggi, vengono mostrati tutti i contatti presenti in rubrica con la possibilità di iniziare una conversazione con loro, impostando uno sfondo personale per ognuna di esse. Non appena Allo sarà disponibile su PC non esiteremo a condividere con voi tutto quello che c’è da sapere.

 

 

Giovanni Damiano

<p>Appassionato di videogiochi, telefonia, informatica e intrattenimento. Nato con un controller tra le mani vive in una remota zona della Transilvania in attesa di giochi da completare. La sua prima parola è stata “Press Start”! Cresciuto con un NES 8 BIT ha raggiunto l’illuminazione con la nextgen e i VR</p><br />