Rumors
Stai Leggendo
Le insidie del web, dal deepweb ad Amazon
0

Le insidie del web, dal deepweb ad Amazon

Pubblicato da: Luca M.- il: 12-12-2016 20:19 Aggiornato il: 09-02-2017 12:36

La Galassia Internet, è composta da poco più di 2 miliardi di siti (fonte Google) ma non tutti, purtroppo, possono essere sicuri al 100% e molti di essi nascondono pericolose insidie.

deepweb

Le truffe e i truffatori, infatti, sono sempre in agguato e starne alla larga diventa a volte difficile. Per questo motivo è sempre bene rimanere aggiornati ed informati su quello che succede intorno a noi, o meglio sul web.

Tra le truffe più note ci sono quelle legate al deep web ovvero, come suggerisce la parola, quella parte della rete profonda e nascosta dove si può comprare di tutto senza destare sospetti. Medicine, armi, droghe, skimmer ( apparecchiature per clonare le carte di credito) e persino assoldare un killer, con tanto di referenze dei precedenti omicidi.

La moneta con cui solitamente si paga questo tipo di acquisti è Bitcoin, la famosa valuta virtuale attraverso la quale si possono fare dei pagamenti anonimi (ma non troppo) senza essere facilmente scoperti e che per questo motivo è diventata molto nota tra i criminali del web.

Leggi anche Amazon: Tutto quello che c’è da sapere

La storia di Bitcoin, che comunque resta la moneta virtuale più di successo (attualmente un BTC è di circa 700 $), è stata spesso associata alla criminalità ed è stata coinvolta in una delle truffe più note degli ultimi tempi, quella organizzata dal trentenne texano Ross Ulbrich alias Dread Pirate Roberts, il quale ha fondato Silk Road. Su Silk Road venivano venduti illegalmente farmaci, narcotici, armi e documenti falsi ed ovviamente tutto veniva acquistato tramite BTC. Fortunatamente la truffa è stata scoperta e il suo fondatore è stato condannato all’ergastolo per pirateria informatica, traffico di droga e riciclaggio di denaro sporco. Nonostante la triste vicenda Bitcoin è riuscito a mantenere il suo importante ruolo di moneta virtuale e sono stati introdotti più controlli in modo tale che gli utenti si sentano più sicuri e protetti.

La sicurezza è un tema che ormai viene richiesto in tutti i settori dagli utenti che navigano su internet. Persino i siti più innocui nascondono pericoli e truffe che possono danneggiare, soprattutto economicamente, chi ingenuamente si fida di falsi samaritani disposti a truffare e a far del male senza molti scrupoli, i cosiddetti Trolls.

Per questo motivo molti siti tra i quali anche quelli di giochi e applicazioni per mobile puntano sempre sulla sicurezza dell’utente. È importante sentirsi tranquilli quando si gioca online soprattutto come nel caso del poker, scommesse o altri giochi simili dove è coinvolto il denaro. La diffusione dei giochi online ha portato alla nascita di un numero impressionante di poker e casino rooms, spesso costruite con il solo scopo di fregare i giocatori ed esporli e rischi e sorprese decisamente spiacevoli. Fortunatamente, però, esistono anche un gran numero di siti di poker sicuri che permettono di divertirsi senza ulteriori preoccupazioni. Un modo per evitare di farsi truffare è quello di leggere le recensioni da parte degli altri utenti che spesso sono molto veritiere e aiutano a comprendere se l’applicazione o il gioco in questione è sicuro.

Un altro settore in cui bisogna stare molto attenti è quello degli acquisti sul web che recentemente, in occasione del Black Friday ha coinvolto uno dei colossi della vendita online, Amazon.

black-friday-sales

Molti utenti, infatti, durante il venerdì nero sono stati coinvolti in truffe da parte di alcuni venditori che hanno inviato prodotti non originali, danneggiati o addirittura cancellato gli ordini senza previa comunicazione. A causa di questi spiacevoli inconvenienti sono state introdotte ulteriori misure di sicurezza da parte di Amazon ma questo però non cambia il fatto che i consumatori siano stati frodati in uno dei più importanti periodi dell’anno su uno dei portali più conosciuti al mondo. Quindi i consumatori non devono mai dimenticare che dietro qualsiasi innovazione creata allo scopo di rendere un servizio possono celarsi degli approfittatori .

Lascia un commento