Internet & Geek Blog
tomtop
Tech News

Come trasformare un software in portable

Utilizzare un software portable oltre ad evitarvi una noiosa installazione, vi consente di mantenere il registro pulito da eventuali file temporanei. Oggi vedremo come trasformare un qualsiasi programma in portable.

Trasformare un software in portable? Ecco come!

La prima cosa da fare è quella di procurarsi l’occorrente, quindi scaricate i seguenti software:

fatto questo potete procedere come segue:

  1. Scaricate il programma che volete rendere portatile
  2. Create una directory con il nome dell’eseguibile
  3. Lanciate il software Universal Extractor e cliccate sul pulsante situato accanto ad Archivio o Installer
  4. Selezionate il setup scaricato in precedenza
  5. Entrate nella directory creata e noterete una cartella chiamata “$PLUGINSDIR”, apritela e selezionate tutti i file, quindi portateli nella directory principale e cancellate poi PLUGINSDIR
  6. Entrate in Lang e cancellate tutti i file eccetto lang-1040.dll (corrisponde alla lingua italiana)
  7. Lanciate il software e configuratelo
  8. Chiudete il software ed aprite BatchIconExtractor per creare l’icona
  9. Chiudete BatchIconExtractor e aprite Winrar per creare un pacchetto auto estraente

Ora avete il programma portable pronto per essere estratto ed utilizzato in qualsiasi momento ma sopratutto ovunque. Potete ad esempio portarlo da un amico via pendrive ed utilizzarlo direttamente dalla chiavetta senza installarlo. Comodo non trovate? Se avete installato programmi a volontà e il vostro PC si è rallentato, vi consigliamo di affidarvi a REVO UNINSTALLER per rimuoverli totalmente dal vostro computer.

Per ulteriori informazioni Leggi REVO UNINSTALLER DOWNLOAD GRATIS WINDOWS: COME DISINSTALLARE AL MEGLIO I SOFTWARE

Giovanni Damiano

<p>Appassionato di videogiochi, telefonia, informatica e intrattenimento. Nato con un controller tra le mani vive in una remota zona della Transilvania in attesa di giochi da completare. La sua prima parola è stata “Press Start”! Cresciuto con un NES 8 BIT ha raggiunto l’illuminazione con la nextgen e i VR</p><br />