Internet & Geek Blog
tomtop
Hardware

Google presenta Pixelbook

Correva l’anno 2013 quando Google annuncio ufficialmente l’arrivo sul mercato del primo Chromebook Pixel basato sul Chrome OS, presentando un secondo modello 2 anni più tardi. Oggi a distanza “nuovamente” di 2 anni, la nota azienda di Mountain View è lieta di svelare il suo nuovo Pixelbook in occasione dell’evento tenutosi ieri sera.

Google annuncia un nuovo PixelBook

Si tratta di un laptop il cui design è il punto forte, con uno spessore di soli 10 mm ed un peso di 1kg, il nuovo prodotto è il primo convertibile realizzato da Google, ispirato per certi versi alle medesime linee degli smartphone Pixel.

Equipaggiato con un display touch ribaltabile a 360 gradi, pannello da 12.3 pollici con rapporto di forma 3:2 e densità di 235 ppi. Non manca in dotazione la Pixelbook Pen, una penna dotata di digitalizzatore Wacom con diverse funzionalità smart, grazie alle quali è possibile interagire con il display e comunicare con l’Assistant, avendo solo 10ms di latenza e inclinazione rilevata fino a 60°, con 2.000 livelli di sensibilità.

Il PixelBook è il primo Laptop di Google ad integrare il supporto per l’assistente vocale sviluppato dall’azienda stessa. Per quanto riguarda la batteria, il dispositivo garantisce fino a 10 ore di utilizzo con 15 minuti di ricarica rapida per ottenere 2 ore di autonomia.

Pixelbook arriva sul mercato in diverse versioni, con processore Intel Kaby Lake Core i5, 8GB di RAM e 128GB di memoria interna, medesimo processore ma 8GB/256GB a 1.199 dollari, e la configurazione Intel Core i7, 16GB di RAM e 512GB di ROM ad un costo più elevato, che si aggira sui 1.699 dollari con 99 dollari richiesti per la Pixelbook Pen. Le spedizioni sono previste in USA, Canada e Regno Unito dal 31 Ottobre.

Giovanni Damiano

<p>Appassionato di videogiochi, telefonia, informatica e intrattenimento. Nato con un controller tra le mani vive in una remota zona della Transilvania in attesa di giochi da completare. La sua prima parola è stata “Press Start”! Cresciuto con un NES 8 BIT ha raggiunto l’illuminazione con la nextgen e i VR</p><br />

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *